Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Come trasportare il nostro gatto

cat024

In Auto

Il codice della Strada prevede che è possibile trasportare animali purché legati con le apposite cinture di sicurezza o custoditi in gabbia o contenitore o nel vano posteriore diviso da una rete o da una altro mezzo idoneo, ( se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio provinciale della Direzione generale della M.C.T.C. la Motorizzazione Civile). Chi viola queste disposizioni è soggetto ad una sanzione amministrativa  e rischia la decurtazione di un punto dalla patente.

Ma deve essere soprattutto il buon senso a rendere sicuro il viaggio, evitando distrazioni a chi guida e il rischio di contusioni al proprio animale.

Trasportate sempre il gatto in un trasportino o in un altro contenitore sicuro, abituate il gatto a considerare il trasportino come un rifugio sicuro, tenete il trasportino dentro casa in vista ed inserite al suo interno i giochi favoriti, cuscini,  copertine o vecchi maglioni con il vostro odore etc. per invogliare il micio ad entraci dentro.

I trasportini con apertura frontale e superiore sono da preferire in quanto l' apertura superiore permette l' inserimento e la rimozione del nostro gatto in maniera più semplice e meno stressante per lui.

Il gatto va educato fin da cucciolo a viaggiare è bene abituarlo ad essere trasportato frequentemente in automobile, cominciando con brevi percorsi, per destinazioni anche diverse dal veterinario.

Poiché i gatti possono soffrire di mal d'auto, è bene togliere il cibo (non l'acqua) almeno un'ora prima del viaggio, per tutta la durata del viaggio l’auto deve essere ben areata per evitare colpi di calore, ma senza esagerare per il rischio, opposto, di colpi d’aria

Il gatto non può fermarsi a sgranchirsi le zampe o prendersi una boccata d’aria…Il viaggio in macchina può essere per lui stressante per il fastidio che il trasporto può causare al suo stomaco tanto sopraffino quanto delicato.  All’origine di questo disagio c’è la naturale avversità del gatto per il luoghi che non siano familiari.  A ciò si aggiunge un problema fisico in senso stretto: la continua oscillazione dell’auto provoca la chinetosi, meglio nota come “mal d’auto”.

Effettuare alcuni “viaggi-prova” brevi, iniziare semplicemente facendo conoscere al gatto l’ambiente all’interno dell’auto rimanendo fermi e tenendolo chiuso nel trasportino. Cuccioli che imparano da piccoli a viaggiare in macchina con il passare degli anni avranno sempre meno problemi fino al punto di superarli completamente.

Se durante il viaggio il gatto continua a miagolare coprite il trasportino con un panno (sarà considerato come un riparo dal mondo esterno) e starà più tranquillo.

In treno

Fonte: Ferrovie dello Stato
Trasporto gratuito per piccoli animali domestici in contenitori inferiori a 70X50X30, sono ammessi gratuitamente nella prima e nella seconda classe di tutte le categorie di treni, per dimensioni superiori è necessario il pagamento del biglietto ridotto del 50%.E'ammesso un solo contenitore per ciascun viaggiatore. A bordo delle carrozze a cuccette, vetture comfort, vagoni letto, vetture Excelsior ed Excelsior E4 devi acquistare il compartimento per intero.

In nessun caso gli animali ammessi nelle carrozze possono occupare posti destinati ai viaggiatori e qualora rechino disturbo agli altri viaggiatori l’accompagnatore dell’animale, unitamente all’animale stesso, su indicazione del personale del treno, è tenuto ad occupare altro posto eventualmente disponibile o a scendere dal treno.

Continua...


 

In aereo

Fonte: Alitalia
Per viaggiare negli stati membri dell’Unione Europea, i cani e i gatti devono essere muniti di: un passaporto rilasciato da un veterinario, che riporti le vaccinazioni e lo stato di salute dell’animale, un tatuaggio leggibile o un sistema elettronico di identificazione (transponder).       
Ricorda inoltre che: gli animali di età inferiore ai 3 mesi, quindi non ancora sottoposti al vaccino antirabbia, non possono viaggiare in Europa, per l’ingresso in Svezia è obbligatorio anche il trattamento antiparassitario contro echinococco e zecche,
nel Regno Unito e in Irlanda non è consentito il trasporto di animali nè a bordo, né in stiva, né come merce, in alcuni paesi vigono divieti o limitazioni all’introduzione di alcune specie animali, il trasporto di cani guida per passeggeri non vedenti e/o non udenti è gratuito e senza limiti di peso; per maggiori informazioni visita la pagina dedicata all’assistenza nel sito dell'alitalia.
L'animale domestico è soggetto al pagamento di un supplemento rispetto alla normale franchigia.
Il trasporto in cabina è soggetto a specifiche condizioni: l’animale deve rimanere per tutto il viaggio in un trasportino che non superi queste dimensioni:  48 lun.x 33 lar.x 26 h.
Il trasportino deve consentirgli di stare in posizione comoda, di potersi girare e accucciarsi; dev’essere ben aerato, impermeabile e robusto, può trasportare fino a 5 animali della stessa specie, a condizione che il peso totale (compreso il cibo e il trasportino stesso) non superi gli 8kg.
Nel caso in cui non siano rispettate le suddette condizioni oppure se l'animale arreca disturbo ai passeggeri, il Comandante titolare del volo può farlo trasferire nella stiva.
Poiché il servizio non è disponibile su tutti gli aeromobili e le dimensioni massime imbarcabili variano a seconda dell'aeromobile utilizzato, è importante informarsi in anticipo.


In nave o traghetto.

Ogni compagnia marittima ha il suo regolamento riguardo il trasporto di animali, per cui prima dell’imbarco occorrerà informarsi adeguatamente a riguardo per evitare disguidi e spiacevoli incomprensioni. I proprietari devono essere muniti del libretto di vaccinazioni e certificato di buona salutute redatto da un medico veterinario.

 

"Questo sito web utilizza i cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta l'impostazione dei cookies."